open

Special Offers

Thermalcare® Light

14.03.2014 - 06.01.2015

PER SAPERNE DI PIÙ

All Inclusive

14.03 - 08.12.2014
PER SAPERNE DI PIÙ

Speciale Settimana del Fango

18.10 - 25.10.2014

PER SAPERNE DI PIÙ

close

Osteoporosi

In seguito alla diminuzione di massa e alle modificazioni della microarchitettura delle ossa, lo scheletro è soggetto ad un maggiore rischio di fratture. Il fango termale naturale, in combinazione con la idrokinesiterapia è in grado di esercitare un’azione positiva in fase non acuta.

Il fango termale naturale è un presidio terapeutico che, in combinazione con la idrokinesiterapia, è in grado di esercitare un’azione positiva nell’osteoporosi in fase non acuta, riattivando e riequilibrando funzioni circolatorie, metaboliche e neuroendocrine con la possibilità di rallentare l’attività delle cellule distruttrici dell’osso che hanno il sopravvento soprattutto nella donna dopo la menopausa. La fangoterapia può indurre la scomparsa della sintomatologia dolorosa ed in combinazione con la kinesiterapia un aumento della massa ossea con conseguente miglioramento della funzionalità articolare e della resistenza ossea. Al protocollo terapeutico dedicato sono ammessi tutti i pazienti affetti da osteoporosi e le pazienti con osteoporosi primitiva a basso turnover (perdita lenta di massa ossea) di età compresa tra 55 e 74 anni. Ne sono escluse le pazienti con forme morbose che possono incidere sull’apparato muscoloscheletrico e/o in trattamento con farmaci capaci di interferire con il metabolismo osseo.I pazienti in trattamento vengono sottoposti a 12 sedute di fango termale naturale applicato per 15 minuti ad una temperatura di di 42°C sulle parti interessate e con un giorno di sospensione dopo la sesta seduta. La terapia si compone di quattro fasi. I risultati che si ottengono con tale protocollo terapeutico consentono di valutare in modo obiettivo e riproducibile le proprietà della fangoterapia, di ridurre il turnover osseo, di prevenire la perdita ossea e il rischio di frattura e di determinare un incremento della densità rilevabile a livello vertebrale e femorale.